Ottobre

carrozza zucca Ottobre ti ho aspettato tanto e finalmente sei qui, e come ogni anno quando arrivi tu io rinasco e ho voglia di partire e di scoprire come sei in ogni angolo del mondo. Per fortuna qui in Sardegna sei bellissimo, mio caro mese preferito, perché – ahimè – non sempre la voglia di partire si può soddisfare, ma la tua mano è capace di trasformare e rendere magico anche il paesaggio che siamo abituati a vedere. E così mi hai già regalato l’aria pulita di un mattino fresco e soleggiato, una sera di pioggia e tuoni, una passeggiata lenta tra le campagne della zona alla ricerca di bacche e pigne tra il viola delle cortecce dei pini e l’arancio delle foglie. Dovevo assolutamente celebrarti Ottobre, ed ecco il mio dono per te.DSCN1344

DSCN1351 Se dovessi un giorno scrivere una storia, sarebbe una storia che parla d’autunno e che incomincia con una carrozza a forma di zucca che si addentra in un bosco. Una carrozza dai colori vivi, un pò consunta dal vento e dal tempo ma decorata con pietre preziose e perle, con due lanterne ai lati a illuminare la via, che le giornate son brevi ormai.

DSCN1352 Girando di curva in curva, seguendo il sentiero, la carrozza arriverebbe a un campo di succulente “zucche polpa bianca” e lì… un personaggio misterioso scenderebbe a raccogliere le tre zucche più belle e grosse. Chi sarà mai? Cosa ne farà? Nessuno lo sa. Quello che è certo è che questa zucca nasconde un segreto, basta sollevare il coperchio per scoprirlo!
DSCN1354Ebbene, prima che questo post diventi definitivamente lunatico come me vi do due informazioni sulla realizzazione e i materiali usati: l’ispirazione per i colori l’ho avuta dal challenge di Hobbyland al quale partecipo con questo lavoro e che prevedeva l’utilizzo di una combo di colori: arancione, viola, grigio, bianco e nero. La carrozza e le zucche bianche e grigie che contengono dei leccalecca sono dei modelli che ho tagliato con la Cameo e assemblato con 5 diversi tipi di colle e adesivi. Per dare l’effetto di usato e consunto ho tamponato tutto, specialmente le giunture, con inchiostro nero, bianco, arancione e viola. La parte più complicata sono le ruote: per renderle abbastanza solide da reggere il peso della struttura è stata necessaria una sovrapposizione di una ventina di strati però devo dire che il risultato mi ha davvero soddisfatta.

DSCN1359Spero che questo lavoro piaccia anche a voi, nei prossimi giorni se vi fa piacere potrete vedere la carrozza nella vetrina del negozio di mio papà, la Torrefazione del Caffè, in piazza Martini a Iglesias.

Con questo lavoro partecipo anche al challenge di Scrappiamo insieme Ispirazione del mese: Halloweennnnnnn!  e alla sfida mensile di Ottobre di Scrapbookingitalia

Grazie infinite per essere passati di qui e felice Ottobre a tutti
Valentina

Advertisements

Atto d’amore

valigia

Siiii viaggiare!! Ditemi voi se esiste qualcosa di più bello nella vita! Per me assolutamente no ed è per questo che oggi sono felicissima di mostrarvi questo lavoro che parla di viaggi e che ho preparato per degli amici speciali che ogni giorno – con grande professionalità e dedizione – accompagnano “in capo al mondo” i loro clienti con una particolare attenzione per gli sposi in viaggio di nozze. Che ci si sposi dopo lunghi e talvolta estenuanti mesi di preparativi, o che si decida di compiere il grande passo in quattro e quattr’otto, la luna di miele è uno di quegli aspetti che a mio avviso non si può tralasciare: sono passati quasi cinque anni ma ho vivissima in me la sensazione di profonda felicità provata nell’istante in cui ci siamo seduti sull’aereo che ci ha portato in Argentina… indimenticabile! E’ davvero il viaggio più bello che da il via al “viaggio vero” che si vivrà assieme ogni giorno, per la vita. Per questo motivo è fondamentale affidarsi a dei professionisti del settore che sappiano consigliare e condurre gli sposi verso la meta ideale liberi da pensieri. Per rappresentare il loro lavoro ho costruito un piccolo planisfero di carta sul quale ho applicato un aeroplanino e il loro logo con lo slogan. E poi eccole, le mie adorate valige di cartoncino, ideali sia come porta confetti (nelle piccoline ce ne stanno comodamente 5) che come decorazione o  come cavalieri per i tavoli per un matrimonio che abbia come tema proprio il viaggio.

DSCN0145E visto che il viaggio di nozze non dura purtroppo in eterno bisogna pur pensare anche al “dopo” no? E non è detto che non si possano fare ancora viaggi altrettanto belli e speciali. L’anno scorso per esempio – con la loro eccellente organizzazione – abbiamo realizzato il sogno di un viaggio che accarezzavamo da tempo nel lontano West degli Stati Uniti percorrendo in 14 giorni più di 7mila km attraverso 7 Stati: Colorado, Wyoming, Montana, South Dakota, Idaho, Utah e Nevada. Di quel viaggio restano ricordi bellissimi, fotografie a non finire e un breve resoconto che ho scritto al ritorno e che ho inserito nel libro firme che vedete, nel quale potranno raccogliere anche le parole di ringraziamento e di lode di tutti i loro sposi felici. Ma oggi siamo andati li anche per un altro motivo: nuove avventure si avvicinano e non sto nella pelle al pensiero di provare ancora quella sensazione, quando le ore passano come se non ci fosse mai un domani e il domani arriva con mille nuove scoperte da fare…

Tornando con i piedi per terra – anche se oggi non mi viene semplice – pensavo… Non so voi, ma quando la partenza si avvicina, io divento una compilatrice folle di liste: inizio a scrivere e ricontrollo mille volte cosa portare, cosa non dimenticare… abbigliamento, scarponi da trekking, tecnologia, documenti, farmacia… liste su liste inclusa la lista delle liste!!! E poi inizio a leggere, a studiare, a pregustare, a macinare mille miglia di pensieri e a torturare mio marito con tutto quello che potremo fare, vedere, assaggiare, comprare, provare… uh quasi dimenticavo la lista delle canzoni! Che viaggio sarebbe senza la giusta colonna sonora? La prima non può che essere dedicata a lei, la mia valigia, che come dice Piero è “casa a tracolla, il massimo del minimo indispensabile, vivere in viaggio è un atto d’amore, nei mille mondi tra dentro e fuori, lasciate spazio ai sognatori!”

InstagramCapture_39c59324-794c-4420-b888-d8bd9b2b9bb9

C’era una volta una sposa. E un matrimonio rosa. A pois.

partecipazioni in scatola rosa poisVolete che vi racconti questa storia? Era una fredda mattina di gennaio e mentre lavoravo al pc ho ricevuto una mail. Ornella, sposa di luglio, mi chiedeva per il suo matrimonio con Davide una partecipazione particolare: romantica ma non fronzoluta, un pò shabby e superchic, rosa a pois bianchi, scritta con l’uso di font stile Handlettering e – musica per le mie orecchie – in scatola! Giusto il tempo di fare qualche bozza e poi eccola qui: finché non l’ho vista non pensavo di poter amare così tanto una scatolina!

partecipazioni in scatola rosa poisIl bello di affiancare gli sposi nella creazione delle decorazioni per il proprio matrimonio è lo scambio di opinioni e di pensieri che avviene nel corso della realizzazione, si crea una sinergia che porta ad affinare sempre più il risultato finale che poi, quasi per magia, assomiglia loro tantissimo. Ho sempre desiderato saper disegnare ma ahimè sono proprio negata: con i miei lavori di carta però ho la sensazione di riuscire a ritrarre chi me li chiede.
partecipazioni rosa poisAccanto alle partecipazioni sono comparse poi delle piccole etichette a forma di bandierina che la sposa ha applicato sulle bomboniere che lei stessa ha realizzato a mano.
etichette rosa a poisE per chiudere in bellezza il piccolo tocco della Sirena è servito anche per la confettata finale: i “segnagusto” per i vasi dei confetti applicati sui bastoncini da gelato sono stati la degna chiusura di questo lavoro che ho adorato tanto.
confettata rosa a poisVi è piaciuta la storia della sposa e del suo matrimonio rosa (a pois)? A me tantissimo! Tutti i più affettuosi auguri a Ornella e Davide che sabato scorso si sono sposati in uno splendido giardino, circondati dall’affetto dei loro cari. Hanno organizzato un matrimonio bellissimo, divertente e curato in ogni dettaglio: riguardando queste foto non posso che sentirmi fortunata per avervi, a modo mio, preso parte ❤

confettata rosa a pois

segnagusto confettata rosa a pois lasirenasulsofa.wordpress.com

Always Mario e Marta

volkswagen
Due anni: ero qui che iniziavo a scrivere un nuovo post e all’improvviso mi son resa conto che proprio oggi La Sirena sul Sofà festeggia il suo secondo compleanno! Certo l’età è ancora giovane per parlare di bilanci però guardarsi indietro anche se di poco è sempre bello e utile… e così mi son fermata a sfogliare le pagine già scritte e a ricordare ogni singolo lavoro, le grandi gioie e le difficoltà incontrate e superate, sempre con le mani in carta. Sono particolarmente felice di festeggiare questo piccolo grande traguardo raccontandovi oggi la storia di questo nuovo pulmino di carta modello Volkswagen. Probabilmente ricorderete quelli in blu fatti per il Battesimo di Samuele (se volete rivederli li trovate qui). Questo invece sui toni del verde e bianco panna mi è stato commissionato da Marta e Mario, una coppia di sposi… super frizzante!

pulmino volkswagen

Quando ho ricevuto la mail di Marta lo spiritello che anima la mia voglia di creatività ha fatto una capriola di felicità. Un matrimonio autunnale, un romanticissimo pulmino hippy verde e come tema la Coca Cola: un insieme di cose che adoro in un unico lavoro di carta! E così ecco qua un cake topper che ho adorato realizzare e che, come vedete dalla foto, potrà essere ora utilizzato per conservare dei ricordi speciali. Per cercare di sviluppare al meglio il tema Coca Cola ho scritto i nomi degli sposi sul fianco del pulmino utilizzando il carattere originale. A un certo punto, mentre tagliuzzavo tutto, mi son ritrovata a canticchiare tra me e me la canzoncina che da sempre accompagna gli slogan e… flash! Quella piccola parola che in inglese vuol dire “sempre” suonava benissimo tra i nomi degli sposi!

pulmino volkswagenInfine, nella ferma convinzione che la cura dei particolari è ciò che rende speciale un lavoro, di qualsiasi genere esso sia, ho realizzato in accordo con gli sposi delle piccole lattine delle tre bibite più famose del mondo, in una ho inserito un campanellino per rendere realistico il rumore dei barattoli che il pulmino con gli sposini, festoso, trascina. Un cilindro sui tre quarti, un velo svolazzante e la targa personalizzata con la data del matrimonio completano il tutto. Grazie ragazzi per aver apprezzato davvero tanto il mio lavoro, la vostra splendida torta di nozze non ha pari! Che dire di più se non che è davvero bellissimo festeggiare i due anni del blog con un brindisi a base di bollicine? Evviva gli sposi! Always… (and forever) Mario e Marta!

F&L: Blue October Japanese Love

Blu GiapponeOttobre quanto ti ho aspettato! Anche se in Sardegna è ancora estate vi informo che io sono ufficialmente in modalità “autunno e i suoi colori”. A proposito, secondo voi di che colore è l’autunno a casa della sirena? Vi do un indizio: le zucche, le foglie che danzando cadono dagli alberi, i funghi, le castagne, l’uva matura dorata e nera… e gli ultimi saporiti frutti di bosco! Ed è proprio il blu intenso dei mirtilli ad accompagnare questo passaggio di stagione e a portarci in Giappone per le nozze di Fabio e Laura.

Tableau blu Japan

Nell’organizzazione del proprio matrimonio ogni coppia decide in quale modo raccontare la propria storia a familiari e amici, quanto coinvolgerli, quali dettagli mettere in rilievo e come. Tante piccole cose accompagnano la preparazione nei mesi precedenti fino al grande giorno: qualsiasi sia l’entità dell’evento quando una sposa apre gli occhi la mattina del matrimonio ha giusto il tempo di pensare “oh mamma mia ci siamo” che attorno a lei si crea un piccolo microcosmo di rituali e operazioni, poi quando ci ripensi ti sembra assurdo essere sopravvissuta a tanta emozione! Arriva in un soffio la cerimonia, il momento intimo della riflessione, dell’unione in ogni senso. E poi? E poi non resta che essere felici e lasciar esplodere tanta felicità in una festa che per Laura e Fabio ha coinvolto un intero paese e amici arrivati da lontano, musica eccezionale e li ha letteralmente inondati di affetto.

tableau blu japan

Il Giappone, che i neosposini stanno raggiungendo proprio in questo momento, è un tema assolutamente affascinante e che dà una marea di spunti. Per i due tableaux a pannello mi sono ispirata alle porte scorrevoli dei Ryokan, le abitazioni tipiche giapponesi realizzando decorazioni tono su tono poi applicate tra i nastri di raso. Ogni tavolo aveva il nome di qualcosa veramente tipico e importante nella terra dei Samurai e dei fiori di ciliegio. La spiegazione dei termini giapponesi era descritta sui cavalieri posizionati accanto ai menù.

cavaliere e menùmenu blu giapponePiccoli dettagli, come la fascia del kimono, son stati fatti con la stessa stoffa utilizzata per ricoprire i due libri rilegati a mano destinati a raccogliere le foto, le frasi di auguri degli invitati e le foto e i racconti del viaggio di nozze. Ognuno dei due libri è composto da 40 pagine tutte decorate sul tema.

ventagli

kimono
matrimonio blu

E mentre la musica dei Jamahal Acoustic Sound accendeva la festa, baffi, barbe, labbra glitterate e occhialini scintillanti handmade by La Sirena Sul Sofà hanno rallegrato il photo booth a cui tutti – ma proprio tutti – hanno partecipato.  Laura e Fabio hanno pensato proprio a tutto quindi non poteva mancare una piccola attenzione per Leon, lo splendido maltese bianco della sposa, promosso a “Dog of honor”!

matrimonio bluE ora che la festa prosegue per gli sposi in un viaggio che li porterà a vedere da vicino tutte le cose di cui a lungo abbiamo parlato, su cui tanto ho letto e imparato nel creare le loro decorazioni, non mi resta che aspettare di vedere le foto della festa fatte da una vera artista del matrimonio, Fiorsa : so che il suo obiettivo avrà colto tutti quei piccoli meravigliosi particolari in grado di raccontare Fabio, Laura e il loro Blue October Japanese Love.