Se c’è una cosa che amo

album
Ciao amici della Sirena, come sta andando questo inizio di Autunno? State già pensando al Natale o guardate con occhio ancora sognante le foto di questa Estate appena finita? A proposito di Estate… mettendo un po’ in ordine le foto dei lavori estivi mi sono accorta di non avervi mostrato le foto di tre album fatti prima di partire per le vacanze, destinati a conservare fotografie e biglietti di auguri.
albumIl primo che ho fatto è per il piccolino dei nostri cari vicini di casa, un bellissimo bimbo di nome Leonardo che è nato proprio quest’estate. Il secondo album è stato regalato a un altro bimbo di nome Leonardo per il suo Battesimo, mentre il terzo è partito per la provincia di Lucca come dono per il Battesimo di Tommaso.

albumOgnuno di questi album è formato da 80 pagine su cui ho stampato un logo e il nome. Ho poi rilegato ogni pagina e cucito con l’ago da materassaio in modo da creare delle asole in cui far passare i nastri di raso.

albumPer la copertina ho tagliato fronte, retro e costa nel cartone strutturale, ho tagliato la finestrella centrale sulla parte frontale e poi con attenzione ho applicato la stoffa, solo dopo averla ben stirata per eliminare possibili segni. Questa bella stoffa è disponibile nella merceria “C’era una Volta” di Monserrato insieme a tutti i nastri e a tante altre belle cosettine, se siete come me amanti di queste cose fateci un salto.

albumSulla copertina ho applicato cuoricini di legno color panna e nastri di raso di tonalità tenui che trovo più adatte ai bimbi molto piccoli, ma potete sbizzarrirvi a decorarli come più vi piace.
albumInfine ho realizzato delle scatole di cartoncino e cartone corrugato su misura per contenerli e proteggerli nel tempo. E ora non mi resta che immaginare le belle foto e i biglietti di auguri che andranno a riempire le pagine che una ad una ho cucito. Prendere dei fogli di cartoncino e trasformarli in un oggetto che ha un’anima e che conterrà momenti e ricordi preziosi è sempre un’emozione: ogni volta che creo un album, alla fine lo guardo e penso che…  Si, se c’è una cosa che amo è questa e non farei altro per tutta la vita!

A presto e grazie per essere passati di qui 🙂

Un 2015 di creatività

calendarioCari amici de La Sirena sul Sofà, mentre fuori quasi nevica e la cena di fine anno è ormai quasi pronta, eccomi con un post velocissimo per augurarvi di passare al meglio questa serata.
DSC_3780In queste foto – per le quali ringrazio il mio fotografo di fiducia (nonché aiutante, motivatore, supporter e “sopporter” di fiducia!) – potete vedere i calendari che ho preparato per augurare a tutti un felice anno nuovo. Girando le rotelline che spuntano ai lati si cambia la data.
DSC_3781Per realizzare questi calendari velocemente l’ideale è scegliere carte double face: abbinare carte diverse è bellissimo, passerei ore a scegliere mille combinazioni diverse, ma quando il tempo a disposizione è poco quelle double face sono perfette! Qualche fiore, delle brads per fermarli, un pò di nastrini colorati… et voilà!
DSC_3782E a proposito di creatività vi saluto con le parole di uno dei più grandi autori italiani per ragazzi: ho letto tanto Gianni Rodari da piccola, mi piaceva e mi piace ancora il fatto che con semplici parole riuscisse a raccontare gradi verità.

DSC_3788
L’anno nuovo

Indovinami, indovino,
tu che leggi nel destino:
l’anno nuovo come sarà?
Bello, brutto o metà e metà?
Trovo stampato nei miei libroni
che avrà di certo quattro stagioni,
dodici mesi, ciascuno al suo posto,
un carnevale e un ferragosto,
e il giorno dopo il lunedì
sarà sempre un martedì.
Di più per ora scritto non trovo
nel destino dell’anno nuovo:
per il resto anche quest’anno
sarà come gli uomini lo faranno.

(G.Rodari)

Buon anno nuovo amici della Sirena, che sia per tutti noi un 2015 sereno, pieno di lavoro, di progetti, di viaggi e di creatività!

Uno Sketchbook tutto per me!

Sketchbook

Il mese di maggio è quasi arrivato a metà e io ho un sacco di lavoretti da mostrarvi tra cui questo, un nuovissimo Sketchbook, fatto su misura per me! La passione per i quaderni non è una novità, chi mi conosce sa bene che li adoro qualsiasi forma e dimensione abbiano! La primavera inoltre mi ha portato una buona dose di nuova creatività e voglia di mettere “le mani in carta”: tante idee per la testa, tanti spunti da non dimenticare, ispirazioni di cui prendere nota prima che fuggano via…  cosa c’è di meglio dunque di un quaderno progettato e strutturato apposta per raccogliere schizzi e progetti, ritagli ed idee?

Sketchbook

La base è un semplice quaderno ad anelli di forma quadrata al quale ho aggiunto due ali laterali, ognuna con la sua costina, per consentire l’archiviazione di oggetti con un pò di profondità. Se volete provare a riprodurlo vi consiglio di fare in modo che la dimensione delle due costine sia uguale a quella della costa centrale.

SketchbookIl passo successivo è stato quello di foderare con attenzione tutto il perimetro del quaderno, sia internamente che esternamente. Qua potete dare libero sfogo alla fantasia e scegliere le carte che preferite. Io volevo che ogni lato del quaderno rispecchiasse i miei accostamenti di colore preferiti, dal classico bianco e nero che vedete in questa immagine in due fantasie diverse ma coordinate che ho utilizzato per le copertine interne, ai colori supercontrastanti delle fodere interne, al mio amatissimo polka dots delle copertine esterne.

SketchbookSketchbook

Ed ecco qua l’interno dello Sketchbook: con il plotter da taglio ho realizzato il piccolo organizer lilla che vedete sulla sinistra al quale ho applicato dei post-it di colore contrastante e un bel nastino viola a pois bianchi. In basso ho inserito una taschina porta “minuteria” in cui inserire quei piccoli oggettini utili per abbellire progetti e pagine che si hanno sempre per le mani! Sulla copertina interna centrale ho applicato una confezione di matite colorate: volendo si poteva decorare ulteriormente la confezione ma erano così belle al naturale che per ora ho preferito lasciarle così.

SketchbookE questo è l’altro lato: ho ricoperto le copertine interne con del cartoncino ondulato giallo e nero (regalo graditissimo della mia amica Robi) e ho applicato qualche altra piccola decorazione: un pizzo di carta, la ruota dei colori utilissima per definire gli abbinamenti più efficaci e al centro un quadernino estraibile con l’etichetta “Take note”.

SketchbookDSC_6382-1

Vi lascio con un piccolo dettaglio della copertina: il titolo che campeggia, lilla, in copertina è “Sirena sul sofà @work”. Per il resto le carte mi piacevano così tanto che ho aggiunto solo un fiore viola con brad a contrasto e qualche ritaglio dei miei tape preferiti.

I lavoretti da mostrarvi sono talmente tanti che ci rivedremo molto presto: prossimamente su questi schermi troverete anche le vere e proprie opere d’arte delle mie zie che in questi giorni stanno preparando delle bomboniere di stoffa che… basta, ho già detto troppo e non voglio rovinarvi la sorpresa! Tornate a curiosare tra qualche giorno e vedrete!!!

ma boîte à couture

scatola alterata

Per Natale abbiamo ricevuto due bellissime cornici di vetro di Murano, un regalo molto gradito, per chi ama la fotografia le cornici non sono mai troppe!

Mentre ero intenta a scartare il pacco, prima ancora di gioire per il contenuto, il mio occhio è cascato sul contenitore: una bella scatola di cartone rigido! Chi mi conosce sa bene che per me è “un regalo nel regalo” perché è perfetta da alterare ed era esattamente quello di cui avevo bisogno per mettere ordine in quel marasma di fili, aghi, perline, paillettes, bottoni e mille altre cose sparse in contenitori disseminati tra i vari armadi di casa.

scatola e materialiPer questo progetto ho utilizzato pochi materiali: un foglio 70 x 100 di carta craft stampata come un vecchio quotidiano english style, della carta di riso turchese che aspettava chiusa in una scatola da troppo tempo in attesa dell’idea giusta, colla stick a presa forte, qualche fiore di stoffa, un alfabeto di legno, un tampone di inchiostro marrone e un paio di brads.

scatola alterata

Il primo passo è anche il più importante: bisogna tagliare la carta con precisione calcolando 1/2 cm in più per ogni lato in modo da potere riportare e incollare il bordo all’interno. Quando la colla è ben asciutta ci si può sbizzarrire con le decorazioni seguendo il proprio gusto e scegliendo dei nastri da abbinare. Io ho scelto di rifinire la scatola con la carta di riso turchese che ho usato per tutto l’interno e per il coperchio, poi ho tamponato le lettere di legno che compongono la scritta con l’inchiostro marrone per dar loro un’aria un pò anticata e infine ho fermato i fiori di stoffa con due brads in tinta. Qualche centimetro di nastro a pois marrone e panna, il mio preferito, et voilà: ecco a voi ma boîte à couture!