Ditelo con stile

partecipazione dettaglioChissà quante volte avrete visto i vostri nomi scritti vicini senza magari farci poi tanto caso: il biglietto per il volo estivo, l’invito alle nozze di un collega, un quaderno di appunti scarabocchiato inavvertitamente chiacchierando al telefono… Arriva però, prima o poi, il momento in cui la prospettiva cambia e… booom un colpo al cuore!  Vedere i propri nomi scritti sulla partecipazione di nozze è una delle prime grandi emozioni che vivono i futuri sposi, il sorriso è inevitabile, una sottile ansia pure. Ci siamo, è scritto, messo nero su bianco, viola su lilla, bordeaux su avorio, verde su panna… qualunque sia il colore scelto per inchiostro e carta, ebbene, è fatta!

partecipazione fatta a manoQuando si mandano in stampa le partecipazioni alcune delle scelte più importanti son state già prese: la data, l’orario, il luogo della cerimonia e quello del ricevimento, molto spesso anche il negozio in cui depositare la lista nozze. Sono tutte scelte che comportano un notevole impegno da parte degli sposi che arrivano talvolta stanchi alla scelta della partecipazione con il rischio di sottovalutare quello che a mio avviso è il vero e proprio “biglietto da visita” dell’evento che si sta organizzando. La partecipazione di nozze ha un duplice potere comunicativo: se in modo diretto ci dice chi si sposa, dove e quando, indirettamente in base al tipo di carta, font, colori e materiali utilizzati può dare tante indicazioni sullo stile del matrimonio sofisticato ed elegante, allegro e frizzante, romantico o hi-tech che sia.

partecipazione fatta a manoCerto, diciamola tutta, c’è chi da poco peso a questo aspetti, segna la data sul calendario in cucina e chiude l’ennesima busta nell’ultimo cassetto della madia in attesa che svanisca per autocombustione, ma questo accade quando la partecipazione ricevuta è uguale ad altre mille, vista una viste tutte, senza anima né personalità. Quando invece gli sposi mettono dentro la busta un pò di se stessi tutto cambia: chi la riceve sente di essere non un semplice invitato ma una persona speciale che si desidera avere accanto nel giorno più bello. Se la partecipazione è speciale e personale chi la riceve inizia subito a partecipare alla gioia degli sposi.partecipazione fiore incisoCreare partecipazioni e decorazioni di nozze, idearle e realizzarle è una cosa che mi da tanta soddisfazione non solo perché è una bellissima occasione per mettere “le mani in carta” ma perché implica la necessità di creare un legame con gli sposi, entrando in punta di piedi nel loro percorso per aiutarli a realizzare i loro desideri, sostenendoli e rassicurandoli con quel pò di esperienza che in questi anni ho maturato.

partecipazione a cancelloPer concludere questo lunghissimo post che da tempo meditavo di scrivere, giusto due parole sulle partecipazioni che vedete nelle immagini: sono tre modelli molto diversi ma accomunati dall’uso dello stesso materiale, cartoncino avorio e lilla di grammatura media. Il primo modello Basic è semplice, rettangolare, composto da busta, partecipazione e invito. Il secondo modello è quello con il fiore inciso: la partecipazione è incollata alla struttura, l’invito si mette all’interno e si chiude tutto semplicemente a incastro, è molto leggera e delicata grazie all’effetto naturale dell’incisione rispetto alla stampa. Quest’ultimo modello è il cosiddetto “a cancello” è di dimensioni maggiori rispetto alle altre, consente di mostrare all’interno un motivo grafico o un’incisione e di incollare dall’altro lato l’invito quando necessario. Si chiude, come si vede nella foto in alto, con una semplice “cintura” di cartoncino che ho decorato con le iniziali.

partecipazione a cancello

Presto vi mostrerò nuove creazioni matrimoniali a cui sto lavorando: partecipazioni con sovrapposizioni di carta naturale, fiori di carta di seta e un post speciale sui tableaux mariage.

Grazie per la visita, a tutti una buona domenica di sole

Valentina

Advertisements

2 thoughts on “Ditelo con stile

  1. Pingback: Pizzo, spago e rock’n roll | La sirena sul sofà

  2. Pingback: Pizzo, spago e rock'n roll | La sirena sul sofà

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s